Visitare Genova: San Lorenzo, San Matteo, Chiesa del Gesù

Autore: Alaskan Dude





Scarica Guida Genova:
PDF da stampare e rilegare




Genova Chiese, Italia

San Lorenzo

La Cattedrale di San Lorenzo, ricostruita nel XII secolo in stile romanico, custodisce dal tempo delle crociate le ceneri di San Giovanni Battista, il patrono di Genova.

La facciata a fasce bianche e nere è racchiusa fra due torri; vi si aprono tre portali gotici riccamente decorati. Ai lati della facciata spiccano due leoni di pietra e la statua del Santo.

Nei sotterranei della Cattedrale ospitano il Museo del Tesoro: si conservano preziose reliquie la cui storia sconfina nella leggenda: il Sacro Catino, reliquia dell'Ultima Cena, il piatto che avrebbe accolto la testa del Battista, la croce degli Zaccaria, la splendida arca con le ceneri del santo.

San Matteo

La chiesa del 1125 era la cappella gentilizia della famiglia Doria, si trova infatti al centro del complesso delle Case Doria. L'esterno è caratterizzato da un'elegante facciata in marmi bianchi e neri. L'interno fu risistemato nel '500 e abbellito con preziose sculture da Montorsoli. Nella cripta da vedere la tomba di Andrea Doria opera del Montorsoli.

Chiesa del Gesù

Questa chiesa, costruita a fine del 1500 per i padri gesuiti, merita una visita per le opere d'arte che contiene: meravigliose le sculture e gli stucchi, mentre tra i molti dipinti spiccano le due pale d'altare di Rubens e una di Guido Reni.

San Giovanni Pré

Complesso di due chiese in stile romanico, sovrapposte l'una all'altra, fondato nel 1180 dai Cavalieri di Malta. Anticamente l'edificio annesso aveva la funzione di ostello per i pellegrini che da Genova si imbarcavano per la Terrasanta. È una delle chiese più suggestive della città, con le sue robuste volte, le pareti di pietra nera e i soffitti in legno. Il campanile romanico è uno dei pochi superstiti del periodo a Genova.

Chiesa di San Donato

La Chiesa di San Donato, costruita nei secoli XI e XII, è un capolavoro del romanico genovese: magnifici il rosone, il protiro sulla facciata ed il campanile ottagonale. L'interno ha colonne romane e uno splendido trittico, L'Adorazione dei Magi (sec. XVI), del fiammingo Joos Veìan Cleeve.

San Pietro in Banchi

Questa chiesa dalla curiosa architettura fu costruita nel 1572 in ringraziamento per una scampata epidemia, con una sorta di "autofinanziamento". La chiesa, a una sola navata e con una cupola ottagonale, è sopraelevata rispetto alla piazza sottostante e vi si affaccia con un ripida scala. Al piano terra si trovano delle botteghe, che furono rivendute e servirono per finanziare la costruzione.

Autore:Nozio



Aggiungi ai tuoi oppure







 

Cerca hotel a

Quando? (facoltativo)