Amalfi ristoranti - Amalfi gastronomia - Amalfi dove mangiare - Amalfi mangiare e bere - Amalfi dove cenare


Guida di Costiera Amalfitana, Italia


Autore: ciao_yvon





Scarica Guida Costiera Amalfitana:
PDF da stampare e rilegare




Costiera Amalfitana Gastronomia, Italia

La ricerca dei “giardini di limoni” passa attraverso gli stessi sentieri sterrati, le stesse mulattiere e le stesse vie impervie percorse, nei secoli, da mercanti, monaci, suore e invasori arabi.
Introdotto dagli arabi in Sicilia e successivamente in Campania, il limone ha il suo miglior habitat naturale nella costa amalfitana, negli alti terrazzamenti dove oggi si produce lo “sfusato amalfitano”, varietà unica e protetta con un marchio di riconoscimento I.G.P. (Indicazione Geografica Protetta).
I limoni amalfitani, e in particolare lo “sfusato” (nome derivante dalla forma allungata), vantano una buccia di colore chiaro e una polpa succosa quasi priva di semi. Furono l’oro dei mercanti amalfitani negli scambi commerciali con il nord e il sud dell’Europa, in quanto ricchi di vitamina C, la cui carenza provocava la malattia dello scorbuto.
Il limone è più di un simbolo per quest’area della Campania. E’ la base stessa di primi, secondi, dessert e liquori.
Gli spaghetti al limone come primo, le alici marinate al limone come secondo, la torta al limone come dolce e infine il sorbetto al limone e il liquore “limoncello”: tutto può essere accompagnato oppure creato con il pregiato limone.
La cucina di Amalfi è debitrice dell’inventiva di monaci e suore, che, nella quiete dei loro monasteri, affinarono le loro abilità culinarie.
La “colatura di alici”, le “melanzane dolci” e la torta “Santarosa” sono gli esempi di una maestria tramandata nei secoli.
Le gustose melanzane alla cioccolata della tradizione gastronomica amalfitana derivano proprio dalle melanzane dolci dei monaci, mentre la sfogliatella “Santarosa”, con crema pasticcera ed amarene in sciroppo, ha origine dalla torta “Santarosa”, la torta con la forma di cappuccio monacale creata dalle suore del monastero di S. Rosa.
Il vino da accompagnare ad ogni pasto è il vino di Ravello, oppure quello di Furore o Tramonti, rosso, con gusto secco e compatto.

 

Autore:Nozio



Aggiungi ai tuoi oppure




Scarica Guida Costiera Amalfitana:
PDF da stampare e rilegare




 

Cerca hotel a

Quando? (facoltativo)