Cosa Vedere a Granada

Autore: joquerollo








Granada Luoghi E Suggestioni, Spagna

Albaicín

Di fronte all’Alhambra, attraversato il fiume Darro, eleganti residenze con giardini fioriti, bianche casette e strette calli caratterizzano il quartiere arabo dell’Albaicín, uno dei luoghi più affascinanti di Granada; oggi è una zona residenziale con splendida vista sul Generalife e sulle cime della Sierra Nevada.

Percorrendo l’Albaicín lungo la via delle “teterie”, non dimenticate di assaporare il buonissimo the arabo, servito insieme al tabacco aromatizzato. Se salite le viuzze ripide del quartiere e oltrepassate le pittoresche chiese di San Cristobal e San Bartolomè, arrivate al ‘Mirador de San Nicolas’ da dove si osserva il tramonto del sole accendere di un rosso fuoco l’Alhambra.

Carrera del  Darro

Da Plaza Nueva la Carrera del Darro conduce fino all’Albaicín. Un percorso che lascia alla destra il fiume e l’Alhambra, raggiungendo la bella Plaza Santa Ana con il minareto dell’antica moschea chiuso nella torre campanaria, i bagni arabi e la rinascimentale Casa de Castril con l’interessante Museo Archeologico.

Al termine de la Carrera del Darro si entra al Paseo de los Tristos. Oltrepassate i piccoli ponti e lasciatevi indietro il rumore della città, lasciate che il Paseo vi accolga con i suoi bar e ristoranti; sedetevi all’aperto e rivolgete lo sguardo verso le fortificazioni dell’Alhambra. Tornerete indietro nel tempo!

Poco più in basso, sulla riva del fiume, si trova la Chiesa di San Pietro; il portone dell’edificio presenta una scultura del santo con le chiavi in mano e l’immagine di San Paolo armato.

Cappella Reale

Uno splendido monumento gotico posto nella cattedrale di Granada, il più importante edificio cristiano della città. Custodisce i sepolcri dei Re Cattolici Isabella di Castiglia e Fernando di Aragona, che desideravano riposare in un posto glorioso che mantenesse vivo il loro prestigio.

Alla cappella hanno lavorato, dal 1506, maestri come Gil di Hontañón, Juan di Badajoz il Vecchio e Lorenzo Vázquez. Di grande interesse anche il museo interno alla sacrestia, raccoglie la corona e lo scettro dei regnanti e diverse opere fiamminghe, spagnole, italiane.

Mestieri, 3
Granada


Orario di apertura
novembre / marzo
lunedì / sabato dalle 10.15 alle 13.30 e dalle 16.00 alle 19.30
domenica / festivi dalle 11.00 alle 13.30 e dalle 15.30 alle 19.30

aprile / ottobre
lunedì / sabato dalle 10.15 alle 13.30 e dalle 16.00 alle 19.30
domenica e festivi dalle 11.00 alle 13.30 e dalle 15.30 alle 19.30

Ingresso
3,50 € (Include entrata a Museo della Cappella Reale)

La Madraza

Inserito nel complesso che ospita il nuovo ateneo, La Madraza è l’edificio della antica università islamica di Granada: conserva una suggestiva sala ottagonale con stucchi multicolori e una cupola decorata destinata alla preghiera. Oggi è abbastanza rimaneggiata ma vale la pena immergersi nell’atmosfera di una delle sedi culturali più importanti del continente, nel XIV secolo un vero crocevia per studiosi e filosofi di ogni razza e provenienza. Si trova vicino alla Cappella Reale.

Oficios, 14
Granada

Bagni arabi

I bagni del Bañuelo de Granada appartengono al XI secolo e sono probabilmente l’opera più antica della Granada musulmana. Ispirati alle terme romane, sono rimasti praticamente intatti fino ad oggi; il recente restauro ce li presenta completi di colonne, lucernari, capitelli e pavimenti in marmo. I Bagni Arabi di Baza sono un ulteriore brillante esempio di bagni urbani: qualcuno suppone siano addirittura anteriori al più famoso Bañuelo de Granada. La ‘sala calda’ presenta splendidi lucernari con la forma della stella di David.

Carrera del Darro, 31
Granada

Orario di apertura
martedì / sabato dalle 10.00 alle 14.00
chiusi i giorni festivi

Ingresso
gratuito

 

Alcaicería  

Poco distante dalla Cappella Reale si trova l’antico mercato della seta della Granada musulmana. Oggi ricorda molto i suk orientali, ha strette viuzze e molte decorazioni in stile moresco; tanti i negozi per turisti, consigliato per chi cerca un caratteristico souvenir della città, un tappeto e qualche buona stoffa.

Corrál del Carbòn 

È un antico mercato arabo, risalente al tempo della dinastia dei Nazarí. Utilizzato dai commercianti come deposito per cereali e mercanzie varie, sembra sia l’unico edificio con tali caratteristiche rimasto integro in tutta la Spagna. Durante il dominio cristiano fu adibito a deposito di carbone. La sua splendida facciata araba ospita oggi l’Ufficio del Turismo e svariate botteghe artigiane.

Calle de Mariana Pineda, 12
Granada

Sacromonte

Se state cercando il flamenco andaluso, una tappa obbligata è rappresentata dalle feste e dai balli che si tengono nelle grotte del Sacromonte o nei palcoscenici flamenchi detti ‘tablaos’. Dal lontano ‘700, tutte le notti, le popolazioni gitane di Granada celebrano questa tradizione, divertendo e coinvolgendo i visitatori che hanno l’occasione di assistere a qualcosa di davvero unico. Salendo sulla collina del Sacromonte ammirerete anche la bella, omonima, abbazia.

Camino del Sacromonte, 4
Granada


Orario di apertura
martedì /sabato dalle 11.00 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 18.00
domenica dalle 16.00 alle 18.00

Ingresso
3,00 €

Per arrivare
autobus n 34

 

Autore:Nozio



Aggiungi ai tuoi oppure




Destinazioni in Granada

Scegli dove vuoi andare



  •  



 

Cerca hotel a

Quando? (facoltativo)